CTP Venezia 7 novembre 2019: n. 1175: è illegittima la pretesa dell’Agenzia delle Entrate di applicare ai “contratti di cessione dei contratti di affitto di azienda” una norma eccezionale – l’art. 35, comma 10 quater, D.L. 223/2006 convertito nella L. 248/2006 – dettata per i “contratti di affitto di azienda”: ciò confligge con la espressa esclusione dettata dall’art. 31, comma 1, DPR 131/’86.

CTR Veneto 24 ottobre 2019 n. 962: per la ventitreesima volta le Commissioni tributarie del Veneto annullano le pretese dell’Agenzia delle Entrate in tema di rinuncia abdicativa.

Esenzione fiscale per la modifica in ogni tempo degli accordi tra coniugi in occasione della separazione ex art. 19 della L. n. 7 4/1987

Accogliendo sul punto l’eccezione formulata dall’avv. umberto Santi, i Giudici patavini hanno recentemente statuito che “Per quanto riguarda invece la mancata indicazione nelle cartelle impugnate delle modalità di calcolo degli interessi, il Collegio aderisce alle conclusioni della giurisprudenza di merito che ritiene necessaria l’indicazione, nella cartella, del tasso di interesse applicato e delle esatte modalità di calcolo degli interessi, in quanto, in assenza, si ha una carenza di motivazione e violazione dell’art. 7 dello Statuto del contribuente. Sul punto il Collegio richiama l’orientamento della Cassazione (n.10481 del 2018 e n. 15554 del 2017) in merito al carattere criptico e non comprensibile degli interessi riportati in cifra globale, osservando che l’obbligo di completezza della motivazione non può essere soddisfatto con il mero richiamo alla normativa prevista dal dpr 602/1973 ed in particolare dall’ art. 20”.

Giardino di pertinenza: anche una casa popolare può avere un grande giardino di pertinenza. La normativa non prevede limiti di estensione delle pertinenze, in base al pregio del fabbricato: così decide CTP Venezia, con la sentenza dep. 6 giugno 2019, n. 135/03/2019, accogliendo il ricorso presentato dall’avv. Umberto Santi.

Il contenzioso sulla tassazione della rinuncia abdicativa a titolo gratuito ma senza spirito di liberalità a quota di comproprietà (art. 1104 cod. civ.) patrocinato dall’avv. Umberto Santi vede ventitré sentenze favorevoli al contribuente, a fronte di una coppia (in udienza congiunta) di contrarie (le prime due in ordine di tempo in secondo grado, poi seguite da…

La Corte di Cassazione, accogliendo la richiesta dell’avv. Umberto Santi, ha respinto il ricorso in Cassazione dell’Agenzia delle Entrate, delineando un quadro completo della emendabilità delle dichiarazioni fiscali. Di particolare interesse un paio di chiarimenti: A)  nel procedimento contenzioso instaurato dal contribuente per contestare la pretesa tributaria, è ammessa l’emendabilità, in via generale, di qualsiasi errore,…

Cass. Civ., Sez. V, 6 dicembre 2016, n. 24931, accogliendo la richiesta dell’avv. Umberto Santi, difensore della contribuente, stabilisce che il termine per la presentazione della dichiarazione di successione, in caso di tempestiva accettazione con beneficio d’inventario, ed in presenza di un erede minore, scade per tutti i coeredi dopo il raggiungimento della maggiore età da parte…

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 18213 depositata il 16 settembre 2016, conferma la precedente pronuncia n. 2072 depositata il 3 febbraio 2016, e come richiesto dall’avv. Umberto Santi riconosce la piena spettanza delle agevolazioni prima casa, con integrale conservazione pure del credito d’imposta anche in caso di precedente pagamento non (in tutto o…

Lo studio ha vittoriosamente difeso le ragioni del contribuente, contestate in Cassazione per un duplice ordine di motivi.
In primo luogo, la Cassazione ha riconosciuto che “sussiste la legittimazione processuale” del liquidatore della società di capitali estinta nonché legale rappresentante della società assegnataria del credito ICI.
In secondo luogo, “in tema di ICI e con riferimento a fabbricati non iscritti in catasto, posseduti da imprese

© Copyright 2019 Studio Santi - Made by Jacopo Giacomin Studio Web - Privacy e Cookie policy